Impianti elettrici in zona ATEX

D.P.R. 22 ottobre 2001 n. 462 “Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazione dei dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, dei dispositivi di messa a terra degli impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi”.

Applicabilità

La direttiva 99/92/CE relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori che possono essere esposti al rischio di atmosfere esplosive, le cui disposizioni sono contenute nel DLgs 81/08;

La direttiva 94/9/CE contenente norme in materia di apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva, recepita con il DPR 126/98. Norme CEI 31-28, 31-33, 31-34, 31-35, 31-55, 31-56, 31-56 V1, 31-60, 31-70, 31-87, 31-88, 44-5 V1.

Affinché avvenga un’esplosione sono necessari 3 fattori:

  • Combustibile
  • Comburente
  • Innesco

Gli stessi 3 elementi inoltre, se combinati in dose giusta, costituiscono una fonte pericolosa anche per un incendio.

Sotto attraverso due sintetiche tabelle, vi mostriamo la classificazione in zone per i luoghi con pericolo esplosione per presenza di gas e per presenza di polveri.

Ripartizione delle aree a rischio di esplosione per la presenza di gas, vapori o nebbie – secondo direttiva 99/92/CE

ZONA 0

Area in cui è presente in permanenza o per lunghi periodi o spesso un’atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia.

ZONA 1

Area in cui durante le normali attività è probabile la formazione di un’atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia.

ZONA 2

Area in cui durante le normali attività non è probabile la formazione di un’atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia e, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata.

 

Ripartizione delle aree a rischio di esplosione per la presenza di polvere combustibile-secondo direttiva 99/92/CE

ZONA 20

Area in cui è presente in permanenza o per lunghi periodi o spesso un’atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile nell’aria.

ZONA 21

Area in cui occasionalmente durante le normali attività è probabile la formazione di un’atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile nell’aria.

ZONA 22

Area in cui durante le normali attività non è probabile la formazione di un’atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile e, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata.