Verifica impianto di messa a terra

D.P.R. 22 ottobre 2001 n. 462 “Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazione dei dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, dei dispositivi di messa a terra degli impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi”.

Applicabilità

  • Norme CEI 64-8, 0-11, 0-14, 0-16, 0-21;
  • Norme CEI EN 50522 e 61936-1;
  • Guida CEI 64-14 Raccomandazioni per l’esecuzione delle verifiche degli impianti elettrici;
  • CEI EN 61557 Strumenti di misura od altri apparecchi di controllo;

D.Lgs 81/08 capo II “Impianti elettrici di messa a terra e di protezione contro le scariche atmosferiche”.

La verifica dell’impianto di messa a terra periodica e/o straordinaria consiste in un controllo di rispondenza alla regola dell’arte e ai dati di progetto dell’opera realizzata e più specificatamente, all’accertamento che le condizioni di sicurezza, siano rimaste accettabili nel decorso degli anni. In relazione ai modi di collegamento a terra del sistema elettrico, si identificato tre tipi di impianti: sistema TT, TN e IT. Una seconda classificazione è dovuta dal valore della tensione di alimentazione dell’impianto che si distingue in Ia, IIa e IIIa categoria.

A seconda del tipo di impianto di messa a terra, le principali prove da effettuarsi ai sensi del D.P.R. 462/01 sono regolamentate dalle norme sopra citate e sono:

  • Prove della continuità dei conduttori di terra, di protezione ed equipotenziali;
  • Misura della resistenza di terra;
  • Misura dell’impedenza dell’anello di guasto;
  • Verifica strumentale, dello scatto di protezioni e relè differenziali;
  • Misura delle tensioni di contatto e passo, se necessario.

In aggiunta a quanto sopra Servizi Isacchi Srl è specializzata nell’eseguire le verifiche e controlli di:

  • Verifiche propedeutiche per i passaggi (cambi) di livello di tensione, allo scopo di evitare ritardi alla messa in servizio delle installazioni – verifica straordinaria su richiesta del datore di lavoro;
  • Verifiche delle Direttive del Ministero delle Poste e Telecomunicazioni, sulla base delle Leggi e Decreti emanati in materia fin dal ’73;
  • Verifiche di sistemi di trazione elettrica in corrente continua, in ambito ferroviario e metropolitano;
  • Verifiche del grado di isolamento di grandi opere in cemento armato, contro gli effetti nocivi causati dalle correnti continue vaganti;
  • Verifiche dello stato di corrosione di strutture metalliche interrate;
  • Verifiche della continuità di strutture in cemento armato, con circolazione di elevate correnti di misura alternate o continue;
  • Verifica degli impianti di messa a terra in ambienti ad uso medico;
  • Verifiche delle caratteristiche antistatiche delle pavimentazioni, ai fini della eliminazione delle cariche elettrostatiche ESD, contro le esplosioni o nei locali medici di gruppo 2;
  • Misure della resistività del terreno con diversi metodi (Wenner, Schlumberger, cilindro verticale, ecc.);
  • Misure della resistenza totale di terra RE con metodo voltamperometrico a forte corrente di prova, o con strumenti elettronici multifrequenza;
  • Verifiche di efficienza, a mezzo dei rilievi diretti delle tensioni di passo Us e di contatto Utp.

Richiedi subito un preventivo per la verifica del tuo impianto di messa a terra, periodica e/o straordinaria.

Competenze

Avendo frequentato e superato i corsi CEI-ISPESL, tutti i nostri tecnici, sono in possesso della qualifica di persona “PES” o “PAV” di cui alla norma CEI 11-27 IV edizione 2014.

Nel 1999, unitamente a cinque specialisti, il CEI l’ha coinvolto anche nel Gruppo di lavoro ristretto, incaricato per la revisione e stesura della precedente CEI 11-37 fasc. 6834 “Guida per l’esecuzione degli impianti di terra di impianti utilizzatori aventi tensioni > 1 kV”, che è uscita allo scopo di allinearsi alla norma CEI 11-1 fasc. 5025. Specificatamente esso è l’autore dell’allegato E, “misure in campo”. Nel 2014 il CEI ci ha coinvolto nuovamente in un’analoga esperienza, per la stesura della attuale Guida per la norma CEI EN 50522 ediz. 07/2011, sfociata poi con la pubblicazione della CEI 99-5 dell’agosto 2015; sempre dal CEI, siamo stati incaricati anche per l’avvallo tecnico di affidabilità, per la seconda release del software commerciale GEO2, specifico per la progettazione delle reti di terra. Facciamo anche parte del gruppo di lavoro ristretto, incaricato dal Ministero dello Sviluppo Economico alla rielaborazione della guida applicativa al D.P.R. 462/01, la CEI 0-14, per la guida CEI ISPESL 64-14 per le verifiche degli impianti utilizzatori in bassa tensione, nonché per la Guida CEI 0-11 per le misure in qualità. Infine sempre al CEI, siamo incaricati per la futura Guida 99-28 sulle verifiche di terra dei posti di trasformazione e posti di sezionamento su palo, PTP e PSP, in fase di approntamento.

L’elevata competenza e professionalità, mettono al riparo da responsabilità, il committente.

Servizi Isacchi Srl da oltre 37 anni si occupa dei servizi di verifica impianto di messa a terra e controlli strumentali, rendendo più sicuro il luogo di lavoro.

Contattaci per ricevere un preventivo personalizzato!