Blog

IL DISPOSITIVO DI CONTROLLO DELL’ISOLAMENTO (DCI)

By 9 Ottobre 2019 No Comments
IL DISPOSITIVO DI CONTROLLO DELL’ISOLAMENTO (DCI)

I dispositivi per il controllo dell’isolamento devono essere installati in impianti che utilizzano un sistema di distribuzione IT.

Questo sistema, ha la particolarità che non vi sono riferimenti a terra sul secondario del trasformatore, come si può ipotizzare, in caso di perdita dell’isolamento non è possibile garantire la protezione con un “semplice” interruttore automatico.

Questi dispositivi entrano in gioco quando individuando un guasto dell’isolamento, segnalano tempestivamente  il superamento del valore limite (vedi sotto) prima che possa sopraggiungere un altro guasto e quindi causare un’imprevista interruzione del servizio.

Il DCI ha le seguenti funzioni:

  • che l’isolamento rispetto a terra dei circuiti IT-M sia superiore a 50 kΩ;
  • che la temperatura del trasformatore IT-M sia limitata e non vi sia sovraccarico;
  • che le connessioni tra il DCI stesso e il nodo equipotenziale e tra il DCI e i circuiti IT-M siano continue.

Il DCI deve essere installato nel locale medico di gruppo 2, nelle prossimità del trasformatore di isolamento che sorveglia, e deve avere le seguenti caratteristiche:

  • conforme agli allegati A e B della CEI EN 61557-8;
  • l’impedenza interna deve essere almeno di 100 kΩ;
  • la tensione di misura non deve superare i 25 V di picco;
  • la corrente di misura non deve superare anche in condizioni di guasto 1 mA di picco;
  • deve possedere un sistema di prova che simuli un guasto a terra.

Il sistema di allarme ottico e acustico del DCI, installato in un posto dove possa essere sorvegliato in permanenza, deve comprendere i seguenti elementi:

  • una spia di segnalazione a luce verde per indicare il funzionamento regolare;
  • una spia di segnalazione a luce gialla che si illumini quando sia raggiunto il valore minimo fissato per la resistenza di isolamento (50kΩ); non deve essere possibile spegnerla o disalimentarla; deve spegnersi solo quando il guasto sia stato eliminato e la condizione regolare sia stata ripristinata;
  • un allarme acustico che suoni quando sia raggiunto il valore minimo fissato per la resistenza di isolamento (50kΩ); questo segnale acustico può essere interrotto.

E raccomandato che un’istruzione facilmente leggibile sia collocata all’interno del locale medico e includa il significato di ogni tipo di segnalazione e di allarme e le procedure da seguire nel caso si verifichi il primo guasto elettrico, e che il personale che operi sia adeguatamente informato.

Isacchi

Author Isacchi

Il nostro successo appoggia su un forte know-how, sull’altissima qualità delle prestazioni, su un’estrema flessibilità operativa nonché sulla qualità e completezza degli elaborati che redige, presi a riferimento dalla concorrenza.

More posts by Isacchi

Leave a Reply