Blog

Impianto di messa a terra:
tutto quello che devi sapere

By 3 Giugno 2019 No Comments
impianto messa a terra isacchi

Un impianto di messa a terra si compone di tanti elementi metallici che collegano per motivi di sicurezza le varie parti dell’impianto elettrico.

In buona sostanza, l’impianto di messa a terra è quella parte dell’impianto elettrico che consente di evitare di rimanere folgorati a causa di un malfunzionamento o di un guasto dell’impianto elettrico.

Scopriamo in questa breve guida quali sono i tre componenti principali che costituiscono un impianto di messa a terra e cos’è una verifica ispettiva.

Impianto di messa a terra: che cos’è?

L’impianto di messa a terra è un sistema di sicurezza indispensabile in un impianto elettrico.
Per evitare il rischio di folgorazione in caso di guasti o di malfunzionamenti, tutte le apparecchiature elettriche devono essere collegate all’impianto di messa a terra.

L’impianto di messa a terra porta gli elementi metallici al potenziale elettrico del terreno, evitando che una parte metallica acquisisca un potenziale differente in seguito ad un guasto o un imprevisto.

Oltre ad essere obbligatorio, l’impianto di messa a terra riveste una rilevante importanza per la sicurezza delle abitazioni, dei condomini, degli edifici pubblici e dei luoghi di lavoro (imprese, ditte, etc.).

Impianto di messa a terra: componenti

Da cosa è costituito un impianto di messa a terra? Esso è costituito da tre elementi: conduttori di protezione (i fili giallo-verdi), dispersori (picchetti o corde nude) e l’interruttore differenziale.

#1. Dispersori

Essi hanno come finalità principale la necessità di convogliare le correnti di guasto di un impianto elettrico verso il terreno.
I dispersori possono essere i conduttori in rame nudo, i picchetti in rame o acciaio zincato o elementi idonei (dispersori di fondazione).

In caso di malfunzionamento di un sistema, la corrente fluisce verso il terreno transitando attraverso una via a bassa resistenza ed evitando che attraversi il corpo umano.

Se si tocca una massa metallica collegata ad un sistema disperdente si viene a creare un collegamento tra il terreno e la stessa massa metallica.

In questo caso la corrente elettrica sceglierà la via a minore resistenza, ovvero la messa a terra e non il corpo umano, la cui resistenza è convenzionalmente di 1.000 ohm.

#2. Conduttori di protezione

I conduttori di protezione sono i fili giallo-verdi che vanno a collegarsi alle varie utenze. L’obiettivo principale è quello di convogliare la corrente dalla massa metallica in tensione al sistema disperdente. È fondamentale verificare che tutte le apparecchiature siano collegate al sistema disperdente tramite apposite verifiche.

#3. Interruttore differenziale

Al presentarsi di un guasto è fondamentale interrompere l’alimentazione della corrente prima che il nostro corpo venga a contatto con la massa in tensione.

L’interruttore differenziale ha il compito di interrompere istantaneamente la corrente elettrica quando una parte della stessa si disperde nel terreno.
Nel caso in cui la massa metallica non sia connessa al dispersore, l’interruttore differenziale non interverrà fino a quando una persona non toccherà la massa stessa.

Il differenziale misura la corrente che in condizioni normali fluisce attraverso l’impianto elettrico: la differenza della quantità di corrente che entra deve essere uguale a quella in uscita, quindi pari a zero.

In caso di guasto, l’interruttore differenziale rileva che lo scostamento tra flusso di corrente in entrata e flusso di corrente in uscita, e in questo caso, il differenziale si attiverà immediatamente per interrompere il flusso di corrente elettrica, evitando che la persona possa rimanere folgorata.

Anche il differenziale deve essere verificato periodicamente tramite apposite prove.

Questi tre componenti, che costituiscono l’impianto di messa a terra, assicurano la protezione e la sicurezza di ogni persona in caso di guasto e di malfunzionamento dell’impianto elettrico.
Grazie alla sinergia dei tre componenti si può evitare la morte accidentale di molti lavoratori, i quali possono venire a contatto con una parte metallica dell’impianto elettrico.

Verifica impianti messa a terra: normativa vigente

La normativa vigente, il D.P.R. 462/01 impone una verifica periodica degli impianti di messa a terra nelle attività lavorative.

Essa non deve essere confusa con l’ordinaria manutenzione periodica degli impianti elettrici, disciplinata dal Decreto Legislativo 81/08.

Si ricorda che la verifica degli impianti di messa a terra è obbligatoria per tutte le attività lavorative che abbiano almeno un lavoratore (apprendisti, stagisti, soci lavoratori, lavoratori socialmente utili, etc.).

Oltre che negli ambienti di lavoro, la normativa prevede che le verifiche di un impianto di messa a terra siano eseguite anche all’interno delle scuole, condomini, chiese, circoli ricreativi, locali di pubblico spettacolo. Campeggi, locali zootecnici, etc.

Verifiche ispettive impianto di messa a terra

Le verifiche dell’impianto di messa a terra possono essere eseguite da Organismi Ispettivi di tipo “A” privati che abbiano ottenuto l’abilitazione Ministeriale.

La SERVIZI ISACCHI Srl è un Organismo abilitato alle verifiche Ispettive previste dal D.P.R. 462/01:

  • verifica impianti elettrici alimentati con tensione fino a 1.000 V,
  • verifica impianti elettrici alimentati con tensione oltre a 1.000 V,
  • verifica di impianti elettrici installati in luoghi con pericolo di esplosione,
  • Verifica di installazioni e dispositivi posti a protezione dalle scariche atmosferiche.

Si ricorda che tali verifiche non possono essere eseguite da uno studio professionale di progettazione degli impianti elettrici e neppure dall’elettricista di fiducia.

Messa a terra impianto elettrico: Costi

Quali sono i costi per la messa a terra di un impianto elettrico?

È difficile dare una risposta precisa e quantificare il prezzo sic et simpliciter.

Il costo della verifica delle messa a terra di un impianto elettrico dipende da tante variabili, per questo è importante rivolgersi ad uno specialista operante nel settore.

Per maggiori informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato, si consiglia di rivolgersi alla Servizi Isacchi Srl.

Ecco i contatti utili:

 

Isacchi

Author Isacchi

Il nostro successo appoggia su un forte know-how, sull’altissima qualità delle prestazioni, su un’estrema flessibilità operativa nonché sulla qualità e completezza degli elaborati che redige, presi a riferimento dalla concorrenza.

More posts by Isacchi

Leave a Reply