Blog

Prescrizione per l’accreditamento Organismi di Ispezione da parte di Accredia – UNI CEI EN ISO/IEC 17020

By 6 Dicembre 2019 No Comments
verifica dell’impianto elettrico

La nuova UNI CEI EN ISO/IEC 17020, intitolata “Valutazione della conformità – Requisiti per il funzionamento di vari tipi di organismi che eseguono ispezioni”, regolamenta l’attività degli Organismi di Ispezione (OdI) di ogni tipo.

Tutti gli OdI sono tenuti ad adeguare il loro sistema di gestione a tale standard per trovarsi pronti al momento della visita degli ispettori ACCREDIA.

La nuova UNI CEI EN ISO/IEC 17020 ha introdotto rilevanti novità, alcune delle quali assumono connotati diversi a seconda del contesto nel quale si applicano.

La norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020 costituisce il riferimento per l’accreditamento degli organismi di ispezione (OdI), che svolgono attività di auditing di parte terza indipendente nel campo della progettazione e delle costruzioni edili ed industriali.

Lo scopo della UNI CEI EN ISO/IEC 17020 è quello di identificare adeguatamente le caratteristiche che gli organismi di ispezione devono possedere per operare efficacemente nei settori e nelle verifiche ispettive che richiedono l’accreditamento.

UNI CEI EN ISO/IEC 17020: Campo di applicazione della normativa

Il campo di applicazione della UNI CEI EN ISO/IEC 17020è quello delle verifiche ispettive svolte nell’ambito delle costruzioni, intese come valutazione di conformità a normative e standard tecnici applicabili o a documenti contrattuali stabiliti dalla ditta committente.

Ricordiamo in tale sede che la UNI CEI EN ISO/IEC 17020, al punto 2.1, riporta la definizione di verifica ispettiva intesa come “esame di un progetto, di un prodotto, di un servizio, di un processo, di un impianto e determinazione della loro conformità a requisiti specifici o, sulla base di “un giudizio professionale”, a requisiti di carattere generale”.

Inoltre, al punto 3.17 dello standard UNI 10721 si definisce committente di servizio ispettivo o di controllo tecnico la “persona fisica o giuridica indicata con tale denominazione nel contratto di controllo tecnico, per volontà e per conto della quale l’attività di controllo è eseguita e che incarica direttamente l’organismo ispettivo, specificando l’oggetto e l’obiettivo del servizio”.

Opere impiantistiche industriali; Costruzioni edili, opere di ingegneria civile in generale e relative opere impiantistiche, opere di presidio e di difesa ambientale e di ingegneria naturalistica e i prodotti, componenti e servizi per le costruzioni sono i 3 “oggetti” delle attività di ispezione sottoposte al processo di accreditamento.

Per ciascuno dei tre settori di accreditamento, la norma individua 4 tipologie di ispezioni, qui di seguito sintetizzabili:

  1. Ispezioni sull’esecuzione delle opere;
  2. Ispezioni sulla progettazione delle opere;
  3. Ispezioni sui servizi;
  4. Ispezioni su prodotti e componenti per le costruzioni.

Le verifiche ispettive possono riguardare aspetti squisitamente tecnici, ma anche aspetti di natura economico-finanziaria.

Prescrizione per l’accreditamento Organismi di Ispezione: i chiarimenti di Accredia

Per le istanze di accreditamento relative alle verifiche di ispezione che devono essere eseguire per legge, viene concesso un accreditamento a validità temporale limitata, ferma restando l’ottemperanza a tutti gli altri requisiti normativi e dei documenti in riferimento.

L’organismo di ispezione (OdI) deve disporre di un documento, il quale deve essere allegato al contratto stesso, che descriva i diritti ed i doveri del Committente e quelli dell’organismo ispettivo.

Ai fini dell’ispezione il documento contrattuale deve essere trasmesso al Committente, salvo il caso in cui lo stesso richieda l’applicazione di un suo disciplinare.

In ogni caso l’Organismo di Ispezione deve verificare la congruenza con le procedure interne e informare tempestivamente il Committente.

UNI CEI EN ISO/IEC 17020: Polizza assicurativa Organismo di Ispezione

La norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020 sancisce che l’Organismo di Ispezione deve disporre di una polizza assicurativa per responsabilità civile professionaleestesa al danno all’opera, nonché di una polizza assicurativa volta ad indennizzare i danni a terzi per rischi derivanti dallo svolgimento delle attività di propria competenza.

La polizza assicurativa sottoscritta dall’Organismo di Ispezione deve avere una durata fino alla data di rilascio del certificato di collaudo o di regolare esecuzione.

Il massimale deve essere non inferiore al 5% del valore dell’opera, con il limite di 500.000 euro, per lavori di importo inferiore alla soglia stabilita dall’articolo 28, comma 1, lettera c) del D. Lgs. n. 163/06.

Il massimale deve essere non inferiore al 10% dell’importo dei lavori, con il limite di 1.500.000 euro, nel caso di lavori di importo pari o superiore alla predetta soglia.

La polizza assicurativa deve comprendere le attività svolte da tutto l’organico che opera per conto e nome dell’organismo ispettivo.

Nella valutazione dei rischi associati all’attività ispettiva, l’OdI dovrebbe tenere conto anche dell’eventuale copertura per le spese di tutela legale.

Organismi di Ispezione (OdI): tipologie

L’Organismo di Ispezione, nell’espletamento dei servizi, deve essere indipendente e imparziale.

La normativa sancisce che l’organismo ispettivo operi con integrità professionale e deve verificare la propria rispondenza agli eventuali requisiti di pre-qualificazione richiesti.

Tutti gli Organismi di Ispezione di Tipo A, B e C, nello svolgimento delle attività ispettive, devono uniformarsi ai criteri di indipendenza, imparzialità ed integrità.

L’Organismo di Ispezione di tipo A può essere un operatore della valutazione della conformità impegnato esclusivamente in attività ispettive o in altre attività di valutazione della conformità.

Gli Organismi di Ispezione di tipo B sono apposite unità tecnicamente indipendenti che formano un’entità separata ed identificabile di un’organizzazione coinvolta nella progettazione, fabbricazione, installazione, fornitura, utilizzo o manutenzione degli oggetti sottoposti alla verifica ispettiva.

Gli Organismi di Ispezione di tipo C si intendono unità tecnicamente indipendenti coinvolte nella progettazione, fabbricazione, installazione, fornitura, utilizzo o manutenzione degli oggetti sottoposti ad ispezione, interne alle organizzazioni che forniscono servizi di ispezione a terzi, incluse altre organizzazioni collegate.

In ogni caso l’organismo ispettivo deve garantire la riservatezza delle informazioni e la tutela dei diritti di proprietà del Committente, sia da parte dell’organico dipendente, sia da parte del personale ispettivo esterno.

Per maggiori informazioni o per richiedere la verifica degli impianti elettrici contatta Servizi Isacchi SRL:

Isacchi

Author Isacchi

Il nostro successo appoggia su un forte know-how, sull’altissima qualità delle prestazioni, su un’estrema flessibilità operativa nonché sulla qualità e completezza degli elaborati che redige, presi a riferimento dalla concorrenza.

More posts by Isacchi

Leave a Reply